Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

***

***
Benvenuti a bordo della 500 Arcobaleno, sulla quale potrete fare un giro nel mio blogghino, spulciando tra pensieri, artigianato e passioni di Uapa =^.^=

Welcome aboard the Rainbow 500, in which you can visit my little blog, going through Uapa's thoughts, handicraft and passions
=^.^=

Pagine

martedì 29 gennaio 2013

Ferrarizilla: conaca di una tragedia - Ferrarizilla: a tragedy's chronicle

Qualche anno fa, in occasione del compleanno di Danny, fratello di dolce Steve, decisi, dato il suo amore per la Ferrari, di fargli un regalo a tema con le mie mani: il cavallino rampante, simbolo della famosa casa automobilistica!
Dopo aver cercato tutte le informazioni di cui avevo bisogno su internet, visitando siti di esperti scultori del Fimo, mi misi all'opera anche io, prendendomi tutto il tempo necessario per ottenere il miglior risultato possibile...

Some years ago, I decided to build with my hands a prancing horse for dolce Steve's brother, danny, who loves Ferrari!
After taking all the informations I needed, visiting on the net the sites of expert Fimo sculptors, I started working too, taking all the time  needed to obtain the best result possible...


GIORNO 1: Preso del fil di ferro, modellai l'anima del mio cavallino rampante.

DAY 1: I built the sould of my prancing horse with some wire.



GIORNO 2: Coprii il fil di ferro con carta stagnola, in modo da isolarlo e renderlo un po' più spesso.

DAY 2: I covered the wire with foil paper, to isolate it and make it more thick.


GIORNO 3: Diedi spessore alle parti del corpo che avrebbero dovuto essere più piene, come la pancia e la testa.

DAY 3: I made thicker those parts of the body that needed it, like the belly and the head.


GIORNO 4: Delineai ancora di più l'anatomia del cavallino, sempre utilizzando carta stagnola, in modo da acquistare volume, mantenendo la struttura leggera.

DAY 4: I tried to give a good anatomic shape to the horse, still using foil paper, so that I could gain volume, but maintain the structure light.


GIORNO 5: Cominciai a coprire la carta stagnola con unafasciatura in Fimo nero, in modo da rendere finalmente solida la mia scultura. Appena uscito dal forno, il commento di mia mamma fu "Che carino Godzilla! :-) " ... Da cui il nome Ferrari-zilla -_-'

DAY 5: I started covering foil paper with black Fimo clay, so that I could finally make my sculpture strong. When it came out from the oven, mum said "So cute Godzilla! :-) " ... And that's how the name Ferrari-zilla was born -_-'


GIORNO 6: Era giunto il momento di dotare di muscoli il cavallino rampante, così aggiunsi della Fimo-ciccia nei punti dove occorreva di più. Una seconda cottura in forno fissò il tutto.

DAY 6: It was time to give some muscles to the prancing horse, so I added Fimo clay bits where it needed them more. A second trip in the oven secured everithing.


GIORNO 7: Nuove modifiche e nuove cotture aggiunsero al simbolo della scuderia di Maranello una folta criniera, degli zoccoli scalpitanti, dei riflessi argentati (ottenuti con dell'ombretto argento) ed una coda che fungeva anche da sostegno. Arrivati a questo punto, decorai la coda con la stessa tecnica utilizzata per la criniera e misi tutto in forno per la nuova, definitiva cottura.
C'era una strana calma tutto intorno, si sentiva solo il ticchettio del timer, nel silenzio di quel luminoso pomeriggio, nella mia camera.
Decisi di ammazzare il tempo con uno spuntino e mi allontanai dal forno... Che decisione sciagurata!
Tornai appena in tempo per sentire la campanella che indicava la fine cottura, così, impaziente, aprii lo sportellino per vedere il risultato ma... Una densa nuvola di fumo bianco uscì dal forno e mi travolse, insieme ad un acre odore di Fimo bruciato; non avendo la forza di controllare al suo interno, chiusi di scatto il forno, certa di una sola cosa: la tragedia si era consumata! °_°
Seppi cos'era accaduto solo una settimana dopo, quando ebbi il coraggio di riaprire lo sportello: coda e criniera sbriciolate, zoccoli sciolti, un fianco appiattito e un lato del muso vetrificato erano tutto ciò che rimaneva del povero Ferrarizilla, che fu deposto in una scatola di cartone, dove tutt'oggi giace.
Voglio quindi lasciarvi questa piccola nota, perché non accada anche a voi nulla di simile: è vero che è meglio che il forno sia preriscaldato, prima di cuocere il Fimo, ma senza esagerare...! ç_ç
E comunque spero che questa storia serva come incoraggiamento a tutti coloro (me compresa) che si lasciano scoraggiare, guardando i lavori altrui: ognuno di noi ha il suo Ferrarizilla in un cassetto... L'importante è sapersi riprendere e riprovare, finché non otterrete il vostro buon risultato! :-D
Un abbraccio giallo! :-*

DAY 7: New changes and new cooking added to the symbol of Ferrari a thick mane, pawing hooves, silver reflections (obtained with silver eyeshadow) and a tail that also worked as a support. At this point, I started decorating the tail withthe same technique I used for the mane and I put everything in the oven for one last, definitive cooking.
The air around me was strangely quiet, you could just hear the timer ticking, in the silence of that bright afternoon, in my room.
I decided to have a break and eat something, so I went far from the oven... What an unlucky decision!
I came back just in time to hear the bell of the timer that indicated the end of the cooking, so, impatient, I opened the door to see the results, but... A thick cloud of white smoke overwhelmed me, together with a bitter smell of burned Fimo clay; not being enough strong to take a look inside it, I quickly closed the oven, sure of one thing: the tragedy happened! °_°
I knew what happened just a week later, when I had the courage to open the dor: tail and mane crumbled, hooves melted, a hip flattened and a side of the head vitrified. That was all of what remained of poor Ferrarizilla, that was put in a cardboard box, where it still lies.
So I want to leave you a little note, so that it doesn't happen something like that to you too: it's true that you need to pre-heat the oven, before cooking Fimo clay, but don't exaggerate with that...! ç_ç
And anyway I hope this post will encourage all those people (including me) who are discouraged by looking at other people's works: everyone has his own Ferrarizilla lying in a drawer... The important thing is knowing how to restart from that and try again, until you reach your good results! :-D
A yellow hug! :-*




3 commenti:

  1. NOOOOOOOOOOOOOO O.O.......eri stata bravissima a modellarlo!!!!!
    però sai cosa mi ripeto spesso e volentieri per non demoralizzarmi?!?
    "se mi è riuscito una volta, mi riuscirà anche la seconda..e sarà anche meglio!"
    e ti giuro che funziona!!
    ps:ho finito di creare per te ^_^..ora mancano le foto e appena posso spedisco!!
    un abbraccio giallo anche a te(mi piace un sacco questa definizione ^__^!!!!)

    RispondiElimina
  2. Grazie! E' vero, ogni tanto ci vuole! =)

    RispondiElimina
  3. @Marianna: Non so se avrò la forza di cimentarmi di nuovo, onestamente ;-) Ho quasi finito anche io, se il forno non mi tradisce, come con Ferrarizilla :-D E che Rainbow Uapa sarei se non dessi abbracci colorati? :-)
    @Froda: ;-)

    RispondiElimina

Fai sentire la tua voce! O meglio: fai LEGGERE le tue PAROLE! :-)

Let me hear your voice! Or better: let me READ your WORDS! :-)