Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

***

***
Benvenuti a bordo della 500 Arcobaleno, sulla quale potrete fare un giro nel mio blogghino, spulciando tra pensieri, artigianato e passioni di Uapa =^.^=

Welcome aboard the Rainbow 500, in which you can visit my little blog, going through Uapa's thoughts, handicraft and passions
=^.^=

Pagine

sabato 31 ottobre 2009

> Il fantasma di Beatrice - Beatrice's ghost

Felice Halloween! Va, be', meglio tardi che mai...
Quale giorno migliore per raccontare una storia di fantasmi?
Roma ovviamente ne è piena: ogni angolo di strada e ogni vecchio edificio trasudano un passato che non c'è più, ma che allo stesso tempo è ancora vivo, ed ogni rione ha il suo fantasma.
Oggi vi parlo di uno tra i più famosi e forse più cari fantasmi della mia città, quello di Beatrice Cenci.

Ma partiamo dal principio...
Siamo a Roma, dunque, nel 1577: dal conte Francesco Cenci ed Ersilia Santacroce nasce la Beatrice, quinta di sette figli.

Happy Halloween! Oh well, better late than never...
Is there a better day to talk about ghosts tales?
Obviously Rome is full of them: every corner of every street and every old building exude a past that's finished, but that's still alive anyway, and every district has his ghost.
Today I'll talk about one of the most famous and maybe dear ghosts of my city, the ghost of Beatrice Cenci.
Let's start from the beginning...
So, we're in Rome in 1577: from the union of count Francesco Cenci and Ersilia Santacroce Beatrice borns, the 5th of seven children.
La vita non si dimostra facile per la ragazza; sebbene appartenga ad una delle più benestanti famiglie Romane, vive il più tremendo degli incubi: suo padre, conquistato dalla sua bellezza, la violenta ripetutamente, spesso sotto gli sguardi impotenti della matrigna Lucrezia.

Life isn't easy for the girl; even if she belongs to one of the most wealthy families of Rome, she lives the most terrible nightmare: her father, conquered by her beauty, often rapes her, and often with the powerless knowledge of her step mother, Lucrezia.

"Quando mi rifiutavo, mi riempiva di colpi. Mi diceva che quando un padre conosce carnalmente la propria figlia, i bambini che nascono sono santi... Mi conduceva nel letto di mia madre, perché lei vedesse" .
Delle lettere spedite al Pontefice per descrivere questo tormento, nessuna traccia.
Esasperata dalle continue violenze e con la complicità di due fratelli e della matrigna, decide di uccidere l'uomo che rende la sua vita un inferno: suo padre.
E' notte, Francesco Cenci sta dormendo. I sicari entrano nella sua stanza per colpirlo alla testa, così com'era stato deciso.

"When I didn't want to, he hit me. He told me when a father knows his daughter carnally, children will born like saints... He took me to my mother's bed, so that she could see that
"
.
No trace of the letters sent to the Pope to tell him about this.
Exasperated by the violence, with her brothers and her step mother's complicity, she decides to kill the man who makes her life a hell: her father.
It's night, Francesco Cenci is sleeping. The assassins enter his room to hit him on his head, like they decided to.

Ma le loro mani non ce la fanno ad uccidere a tradimento un uomo inerme che dorme nel suo letto e che, sedato dall'oppio, non sembra più un mostro tanto terribile, ed escono impietositi.
Ma Beatrice no, lei può ancora sentire quella "... bestia che mi insegue... Me la sento addosso, ha fame" , sogno ricorrente.
Entra nella stanza, lo colpisce, con l'aiuto degli altri lo avvolge in un lenzuolo e lo scaraventa di sotto.

But their hands can't betray and kill a helpless man who sleeps in his bed and who, sedated by opium, doesn't look anymore like such a terrible monster, and they come out of there, feeling compassion.
Not Beatrice, she can still hear that "... beast running after me... I can feel it on me, it's hungry" , recurrent dream.
She enters the room, hits him, with the help of the others she wrap him in a sheet and throws him from the window.


E' tutto finito. Sì, ora è tutto finito.
Nei giorni successivi Roma è in subbuglio.
E' chiaro che il conte non si è suicidato, ma chi può aver commesso un tale omicidio?
Certo, tutto quel sangue sul lenzuolo di Beatrice ha destato sospetto, ma tutti sono pronti a dire che si tratti di un'emorragia molto copiosa.
Il tempo passa e pian piano i sospetti si fanno certezze: Beatrice e la sua famiglia vengono imprigionati e processati.
L'inquisizione strappa dalle loro bocche la confessione, dopo atroci sofferenze e svariate ritrattazioni.
Beatrice è abituata al dolore e parla solo dopo essere stata sottoposta alla tortura della corda.
A nulla serve la difesa di uno dei migliori avvocati di Roma, a nulla serve continuare a ripetere a quale orribile e innaturale atto il padre l'abbia costretta con la violenza, il Papa, Clemente VIII, è irremovibile: verranno tutti condannati a morte.
"Non voglio morire... Chi mi garantisce che laggiù non ritroverò mio padre?... Io sono come morta e la mia anima non riesce a liberarsi" .

Everytrhing's finished. Yes, now everything's finished.
The next days there's a lot of confusion in Rome.
Clearly the count didn't commit suicide, but who could have killed him?
Well, all that blood on Beatrice's sheet brought suspicion, but everyone can be
sure it was just an abundant hemorrhage.
Time passes and slowly suspicion becomes certainty: Beatrice and her family are imprisoned and they have to face a trial.
Inquisition takes the confession from their mouths, after long agony and after changing a lot of versions of the fact.
Beatrice is used to pain and she talks just after being torturated, hanging her from her hands tied behind the back.
It doesn't help to have one of the best lawyer of Rome, it doesn't help to keep repeating how her father forced her with violence to do something so horrible and unnatural. the Pope, Clemente VIII, is inflexible: they will be all sent to death.
"I don't want to die... Who can tell me for sure I won't find my father there?... I'm like dead and my soul can't be free" .


L'unico ad essere graziato sarà Bernardo, fratello appena quindicenne ed estraneo ai fatti, che, pur avendo salva la vita verrà castrato e costretto ad assistere alle esecuzioni.
Il popolo Romano si schiera da subito dalla parte della giovane ragazza, ma questo calore serve solo a prorogare l'esecuzione di qualche giorno.
11 Settembre 1599, tutto è pronto.
Una numerosa folla si prepara ad assistere all'esecuzione di Beatrice, che ormai viene quasi considerata una martire.
Uno dei palchi crolla sotto il peso della gente, così occorreranno altre ore di attesa.
Beatrice si sistema da sola sul patibolo, non vuole che il boia la tocchi.
Questi fatica a decapitarla: i suoi capelli lunghi intralciano la lama e il suo seno prosperoso non permette alla testa di poggiarsi nel modo più adeguato.
Ma dopo un altro colpo è finita.

The only one who'll be pardoned will be Bernardo, her 15 years old brother who didn't know anything about that, and who, even if he wasn't sent to death, was castrated and forced to watch the executions.
Immediately Roman people defended the young girl, but that could just postpone the day of the execution of few days.
11 September 1599. Everything is ready.
A big crowd comes to see the execution of Beatrice, who's nearly a martyr now. One of the platforms collapses, cos of the weight of people, so there'll be other hours of waiting.
Beatrice goes alone on the scaffold, she doesn't want the executioner to touch her.
It's hard for him to decollate her: her long hair give problems to the sword and her florid breast doesn't let the head assume the right position.
But another hit and it's finished.


Le sue spoglie verranno raccolte dai Romani, che le seppelliranno, coperta di rose bianche, la sua testa su un piatto d'argento, nella chiesa di San Pietro in Montorio, in una tomba senza iscrizione.
Dal giorno della sua morte, la sfortunata ragazza non ha ancora trovato la pace.
In molti giurano di aver visto un'ombra attraversare lentamente Ponte Sant'Angelo, intorno a mezzanotte, fermarsi nel mezzo, come ad osservare il Tevere, e svanire.
E' il fantasma di Beatrice Cenci, che vaga ancora intorno al luogo dell'esecuzione, reggendo la propria testa fra le mani...

Romans will take her body and they'll bury it, covered with white roses, her head on a silver dish, in the church of San Pietro in Montorio, in a grave without inscriptions.
Since her death, the poor girl still couldn't find peace.
A lot of people can swear they saw a shadow slowly walking on Sant'Angelo's Bridge, at about midnight, stopping in the middle, like if watching the Tiber, and vanishing.
It's Beatrice Cenci's ghost, who still wander around the place of the execution, holding her own head in her hands...


8 commenti:

  1. Suggestivo. E triste.
    Disegni tuoi? :)

    RispondiElimina
  2. Oh ciao! :-)
    Sì, disegni miei, fotografati col telefono :-D
    Purtroppo solo dopo aver disegnato l'ascia che la decapita ho scoerto che in realtà venne usata una spada :-S
    (Yes, a bit sad... And yes, drawings are mine... But I discovered too late they used a sword to decapitate her :-S )

    RispondiElimina
  3. Uf, what a gloomy story... It seems very unfair that poor Beatrice had to suffer during her life, then to be executed and also not have peace after her death.

    RispondiElimina
  4. Yes, it's sad Oby. That's why Roman people still love her, in a way :-)
    (Eh già, non è davvero giusto che abbia dovuto soffrire nella vita, che sia stata giustiziata e che la sua anima non abbia ancora trovato la pace. Ecco perché è un fatasma caro ai Romani...)

    RispondiElimina
  5. Grazie Gloutchov :-D
    (Thank you for saying drawings are nice :-D)

    RispondiElimina
  6. Grazie Daniela :-)
    (Thank you :-) )

    RispondiElimina

Fai sentire la tua voce! O meglio: fai LEGGERE le tue PAROLE! :-)

Let me hear your voice! Or better: let me READ your WORDS! :-)