Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

***

***
Benvenuti a bordo della 500 Arcobaleno, sulla quale potrete fare un giro nel mio blogghino, spulciando tra pensieri, artigianato e passioni di Uapa =^.^=

Welcome aboard the Rainbow 500, in which you can visit my little blog, going through Uapa's thoughts, handicraft and passions
=^.^=

Pagine

venerdì 30 dicembre 2011

Post natalizio e goloso! - Christmas-greedy post!

Ciao a tutti!
Finalmente, dopo tantissimo tempo, posso postare le foto dei miei ultimi lavoretti!
Quindi mettetevi comodi su questa mia 500 arcobaleno e cominciamo questo nuovo viaggetto ^^
Hello all!
Finally, after a long time, I can show you the pictures of my last little works!
So come onboard, relax and enjoy this new little trip in my rainbow 500 ^^


Questa renna che fa capolino è qui per presentarci una piccolissima parte delle sue amichette...
This reindeer is here to introduce us to a part of her friends...

... Infatti per Natale mi sono ritrovata sommersa dalle richieste di adozione per interi branchi di renne, di tutte le dimensioni e di tutti i colori! E pensate MWHEEH MWHOOOH (bramito) che le ho cucite fino al 23 Dicembre! Non male, considerando che sono state chiamate caprette, ochette, cagnolini, cavallucci, alcette...! XD
... Indeed, for Christmas a lot of people wanted to adopt tens of reindeer, of all sizes and colours! And MWHEEH MWHOOOH (belling) I sewed them until 23 of December! Not bad, if you think they have been called goats, geese, dogs, horses, moose...! XD

Renne grandi...
Big reindeer...

... E renne piccole! :-)
... And little reindeer! :-)

E siccome alla vostra Uapa non bastavano, ha pensato di mettere delle renne anche su questi cuori natalizi da appendere alla porta o all'albero! ;-)
And since your Uapa thought it wasn't enough, she sewed reindeer also on these Christmas hearts for doors or Christmas trees! ;-)

Qualche nuovo portacandela ricicloso...
Some new candle holder made with recycled jars...

... E un po' di dolcetti da offrire in ufficio, come regalino per le feste imminenti :-)
... And some sweets to offer in the office, as a little gift for the approaching festivity :-)

Dolcetti in gesso, decorati con un fiocchetto, da poter appendere all'albero di Natale... Inoltre qualche dolcetto è dotato di calamita, così, passate le feste, può rimanere indisturbato in casa... Insomma, in questi giorni di dolciumi se ne mangiano già tanti, almeno con questi ci manteniamo in forma! :-D
Plaster sweets, decorated with a little ribbon, so you can put them on Christmas tree... Some of them even have a magnet, so people can keep them all year long, on their fridge maybe... You see, these days we're already eating a lot of sweets, at least these ones will help us stay fit! :-D

Ce ne sono per tutti i gusti: con ciliegia candita, scorzette di arancia coperte di cioccolato...
There's something for every taste: with candied cherry, orange peel covered with chocolate...

Pasticcini parzialmente bagnati nel cioccolato, di cui sono golosissima...
Tea biscuits partly soaked in chocolate, which I love...

... Biscottini con i granelli di zucchero, cioccolatini semplici o alle mandorle...
... Little biscuits with grains of sugar, simpe chocolate sweets or chocolate with almonds...

... E per chi vuole stare ancora più leggero, ci sono anche dei semplici Oro Saiwa e dei wafer!
... And for those who prefer something even more light, there are simple dry biscuits and wafers too!

Il portafoto-caffè con panna invece è in Fimo!
The coffee with whipped cream-photo holder is made with Fimo clay!

Per i nostalgici degli anni '80: il Tegolino, quando era ancora quadrato! *.*
 Insomma, avevo la scatola quadrata, il panno Lenci dei colori giusti... Come potevo resistere alla tentazione di ispirarmi ad una delle mie merendine preferite di sempre???
For all of you who miss the 80s: Tegolino cake, when it was still square shaped! *.*
I had a squared box and felt in the right colours... How could I resist the temptation of inspire myself to one of the most famous (and favourite too) Italian twinkies ever???

E per rimanere in tema Mulino Bianco, fra questi portaocchiali in feltro figura anche una pochette Pan di Stelle!
And to stay on Mulino Bianco-brand topic, among these felt glasses holders there's a Pan di Stelle biscuit one too!

Per finire, visto che in questo periodo dell'anno ci siamo trovati tutti a che fare, chi più chi meno, con la realizzazione di pacchetti e confezioni regalo, voglio mostrarvi questi sacchetti che ho fatto a mano  :-)
In ufficio stavano buttando via una rivista le cui pagine, piuttosto rigide, erano ricchissime di illustrazioni molto particolari. Sarebbe stato davvero un peccato lasciarla finire nella spazzatura, così l'ho recuperata e ne ho fatto tanti sacchetti. Mi ci è voluto parecchio e lì per lì ho quasi pensato che il gioco non valesse la candela... Ma poi vederli utilizzati mi ha dato una gran soddisfazione, anche se sono molto semplici! :-)
To finish, seeing as during this time of the year we've been all busy in making gift packages, I want to show you these little paper bags I made :-)
In the office they were throwing away a magazine which pages were quite heavy and full of particular illustrations. It would have really been a shame to waste it like that, so I took it instead and made a lot of bags from it. It took quite a lot and I nearly thought it wasn't worth it... But now, using them and looking at them, I really feel a big satisfaction inside, even if they're very simple! :-)



Beh, ora è giunto il momento di parcheggiare di nuovo la 500 arcobaleno, spero che questo giretto vi sia piaciuto!
Un abbraccio a tutti voi ed un augurio di Buon Anno! :-*

Well, now it's time to park again the rainbow 500, I hope you liked this little journey!
A hug for you all and Happy New Year! :-*

mercoledì 28 dicembre 2011

Esplosione di una centralinista - Explosion of a receptionist

Bene, davvero un bell'inizio di giornata.
Non basta dover lavorare in un ufficio semi-deserto.
Ho appena scoperto che il pacco che avevo spedito a Steve è danneggiato.
"... Ma sì, col Quick Pack Europe il pacco, assicurato, arriva in 3 giorni lavorativi!"
Cavolate. Cinque giorni dopo era ancora a Milano ed è approdato in Inghilterra solo ieri. Ed ora è bloccato, perché "danneggiato". No caspita, non il pacco per Steve, maledetti!!!
Ho deciso: questa è l'ultima spedizione che faccio con Poste Italiane. Fra tutte le cose che ho spedito, fra pacchi e cartoline, sono più quelle andate perse che quelle arrivate (intere) a destinazione. E se qualcuno mi spedirà qualcosa, gli dirò di usare un corriere. Altrimenti, beh, che usino pure le poste, ma a loro rischio e pericolo.
Il pacco di Steve è danneggiato. Proprio QUEL pacco. Ed è stato danneggiato qui in Italia. Nei 5 giorni che ci sono voluti per farlo arrivare da Fiumicino a Milano. Probabilmente da un eroico postino che si è fatto tutta quella strada a piedi, correndo col mio pacco giallo sotto il braccio. Poverino, quel postino, dovrebbero dargli una medaglia.
A darmi questa notizia, un'operatrice del numero verde Poste Italiane. Simpatica come una manciata di ortiche nelle mutande. 
Capisco che lavorare in questi giorni di festa urti i nervi. Ma sono una centralinista anche io!
Mi alzo dalla postazione per vedere se ci sono finestre aperte, fa un freddo cane e la divisa estiva (già, perché quella invernale è rimasta bloccata chissà dove) non aiuta.
Passo davanti alla stanza del presidente: ciotole di cristallo piene dei migliori cioccolatini, riscaldamento autonomo, poltrona comoda, stipendio più che invidiabile, ma, soprattutto, decine e decine di pacchi dono sparsi ovunque. E neppure li vuole, lui!
Questo è troppo.
Entro spedita nella stanza, senza neppure bussare, d'impulso.
Mi pianto davanti alla scrivania, sbattendo con decisione le mani sul tavolo.
Sono veramente furiosa.
Alzo lo sguardo e finalmente esplodo, gridando senza alcun controllo tutto quello che mi passa per la testa.
Grido.
Grido di quanto sia comodo dare ordini e fare il supervisore di tutto e tutti con aria scettica, mentre gli altri si fanno in quattro per svolgere anche le mansioni che non gli spettano. 
Di quanto sia facile criticare chi arriva con qualche minuto di ritardo, perché è in balia di autobus e metropolitana, quando lui ha un autista sempre a disposizione. 
Di quanto sia assurdo giudicare chi spizzica un cracker di nascosto, mentre lui è libero di passare due ore a strafogarsi al ristorante dietro l'angolo, a spese della ditta. 
E di quanto sia ingiusto, sì, INGIUSTO! che i suoi pacchi non vadano mai persi, mannaggia la miseria! Quei pacchi dono che per lui sono un peso, mentre il mio regalo per Steve era attesissimo sia da lui che da me!
"E lei non sa davvero chi sono io! Probabilmente non ci ha fatto mai caso, se non per denigrare un saluto mancato, perché in quel mentre ero alla prese contemporaneamente con la cornetta del telefono, con le due cornette dei citofoni esterni e con le altre due dei citofoni interni. No, lei non sa chi sono IO! Sono la sua centralinista e vorrei vedere chi passerebbe tutte le sue preziose telefonate alla sua segretaria, che non è libera neppure di fumarsi una sigaretta in santa pace, se non fosse per me! Vorrei vedere chi le porterebbe ogni mattina una bottiglietta di acqua minerale, fresca al punto giusto, se non ci pensassi io! E le sue piante, sarebbero già secche da un pezzo, se la sottoscritta non se ne prendesse cura ogni giorno!!!"
Ora sono un po' più rilassata, finalmente sono riuscita a sfogarmi e a dirgli tutto quello che in tanti non avrebbero neppure mai osato pensare.
Qualcuno mi ha sentita gridare e si è affacciato alla porta:
"A Federi'! Ma che parli da sola? Dai, esci dalla stanza del presidente, che devo fa' spazio pe' altri pacchi...!"
Altri pacchi. Ecco, lo sapevo. Non è giusto!
Ma il telefono comincia a squillare e io, da brava centralinista, devo rispondere...
Esco dalla stanza vuota del presidente, riprendendomi dalla delusione/illusione di aver parlato davvero con lui... 
"ARIT, buongiorno...!"

Good, really lovely to start the day like this.
It's not enough to work in a nearly deserted office.
I also just discovered the parcel I sent Steve is damaged.
"... Of course, with Quick Pack Europe your parcel, with insurance, will arrive there in 3 working days!"
Yes, yes. Five days later it was still in Milan and it arrived in England just yesterday. And now it's stuck somewhere there, cos it's "damaged". For God sake, not Steve's parcel, bloody service!!!
That's it: this is the last time I send something with Poste Italiane. Thinking back to all the things I sent, parcels and letters, the number of lost/damaged things is higher than the number of those that actually arrived where I sent them. And if someone wants to send me something, I'll ask them to use a private service, otherwise it'll be their own responsibility if the parcel will be lost.
Steve's parcel is damaged. Of all parcels THAT one is damaged. And it happened here in Italy. During the 5 days that took it  to reach Milan from Rome. Probably carried by a heroic postman who ran on his own feet for all those kilometres, holding my yellow box in his arms. Oh poor, poor postman, they should give him a medal.
I had this news from a girl working at the helping phone service of Poste Italiane. Nice as a bunch of nettle in the pants.
I understand working these days is annoying. But I'm a receptionist too!
I get up from my desk to see if there's some open window, I'm freezing and the summer uniform (yes, cos our winter one is lost somewhere too) doesn't help.
I walk in front of our president's room: crystal bowls full of the best chocolate sweets, his own heating, comfortable armchair, enviable salary, but, above all, tens of parcels everywhere. And he doesn't even want them!
That's enough.
I walk quickly in the room, without even knocking at the door, impulsively.
I stand in front of his desk, decisively hitting it with my hands.
I'm really mad.
I raise my head and look up and finally I explode, shouting without control, saying all I have in my mind.
I shout.
About how comfortable is to give orders to people and behave like a skeptical supervisor, while everyone working for you is running all day to do things they shouldn't even do.
About how easy is to criticize people arriving few minutes late, cos they're trapped in the bus or in the subway, when you have a chauffeur always ready for you.
About how absurd is to judge who secretly eats a bit of a cracker, while you're free to go out and fill your stomach at the restaurant round the corner, paid by the company.
And about how unfair, yes, UNFAIR! is that his parcels are never lost anywhere and in any case! Those gift that just bother him, while my gift for Steve was awaited so much from us both!
"And you really don't know who I am! Probably you never noticed, if not to moan about that time I didn't greet you, cos I was busy holding the phone and other four receivers at the same time. No, you don't know who I am! I'm your receptionist and I'd really like to know who'd lead all your precious calls to your secretary, who can't even smoke a cigarette in peace! I wonder who'd give you a new fresh bottle of mineral water every morning, if I didn't do that! And your plants would be dead since a long time, if I didn't take care of them every single day!!!"
Now I'm a bit more relaxed, I could let out all of what I had inside, all those things that many people in the office wouldn't even brave enough to think.
Someone heard me shouting and came at the door:
"Hey Fed! Talking alone? Come on, get out from president's room, I need to make some space to deliver more parcels...!"
More parcels. I knew it. It's not fair!
But phone starts ringing again and I, as a good receptionist, have to answer...
I get out from the empty room of our president, recovering from the delusion/illusion of really talking to him...
"ARIT, good morning...!"

mercoledì 21 dicembre 2011

S. H. O. P. P. I. N. G.

In questi giorni tutti si affrettano per gli ultimi acquisti prima di Natale... Normalmente cerco di avvantaggiarmi il più possibile, cominciando gli acquisti natalizi già da Luglio... Ma quest anno per qualche parente mi sono ridotta all'ultimo minuto anche io!Per fortuna i negozi di ogni tipo sprizzano Natale da ogni dove, per cui le difficoltà non sono state così tante... Il difficile è stato quando, fra le varie spese per le feste, mi sono imbattuta anche in un compleanno molto speciale, per il quale volevo trovare un biglietto altrettanto speciale.Già da tempo cercavo quello giusto, senza troppo successo, ma ormai il tempo stringeva e l'ansia saliva sempre di più! Così mi sono armata di tanta pazienza e ho battuto a tappeto ogni cartoleria delle zone che conosco, chiedendo ai negozianti di aiutarmi nella mia ricerca, sfidando, lo so, anche la loro pazienza, sicuramente già provata da questi giorni di delirio.Ed è proprio di delirio che vi parlo oggi, perché in una di queste cartolerie mi sono imbattuta in uno dei dialoghi impossibili in cui, mio malgrado, vengo spesso coinvolta XD
Entrata nell'ultima cartoleria rimasta, comincio a cercare senza successo i biglietti di auguri per il compleanno. La commessa si avvicina:

XX:
Buonasera, posso aiutarla? :-)
UU:
Grazie, sì! Sto cercando dei biglietti di auguri per un compleanno! :-)
XX:
Oh, se vuole ci sono arrivati i nuovi biglietti natalizi!
UU: Ehm, no, grazie, mi occorre proprio un biglietto di compleanno...
XX: Ma guardi, questi biglietti di Natale ci sono appena arrivati e sono proprio carini!
UU: Sì, ma non mi serveeehm... No, volevo proprio un biglietto per il compleanno, perché eh è il compleanno di una persona... :-S
XX:
Sicura? Non li vuole neppure vedere? Guardi che non ci metto nulla a prenderli!
UU: Sì, sicura, non faccio complimenti :-S


A questo punto la domanda sorge spontanea e potrete trovarla QUI !


During these days everyone is running here and there to buy the last things for Christmas... Usually I start buying Christmas gifts since from July... But this year I'm still looking for some last-minute gifts!
Luckily all the shops explode of Christmas, so it shouldn't be an impossible thing...
However troubles arrived when I had to look for a special birthday card, for someone special.
I've been looking for the right one since a long time, without success and as time kept rnning, anxiety kept growing too! So I started looking in every shop I knew, with patient from me and from the shops owners who helped me in my mission, even in these crazy days!
And it's about being crazy I want to talk today, cos in one of these shops I was involved, as it often happens, in a crazy dialogue
XDOnce inside the last shop I had in my list, I started looking for birthday cards, without success. The owner approached me:

XX:
Good evening, can I help you? :-)
UU:
Yes, thank you! I'm looking for birthday cards! :-)
XX:
Oh, if you want we got new Christmas cards!
UU: Ehm, no, thank you, I need a birthday card...
XX: But, look, these Christmas cards just arrived and they're really nice!
UU: Ok, but I don't need iteeehm... No, I really need a birthday card, it's for a eh a birthday... :-S
XX:
Sure? You don't want to see them at all? It doesn't cost me anything to show them to you!
UU: Yes, I'm sure, I'm not being shy
:-S

Well, I think at this point it's natural to have THIS question in my mind!

venerdì 2 dicembre 2011

Non solo renne! - Not just reindeer!

Renne che fra l'altro devo ancora presentarvi per bene!
Prendendo d'esempio Pam, di
My Country Home, ho realizzato questi tre portacandele natalizi...

Reindeer I didn't introduce you properly, I will soon!
Taking the idea from Pam, of the blog
My Country Home, I made these three Christmas candle holders...
Ebbene sì, erano dei vasetti di omogeneizzati che ora hanno una nuova vita...
They were little jars of baby food and now they have a new life...

... Decisamente più luminosa ;-)
... Definitely brighter ;-)



 
Spero che vi piacciano!
Io aspetto i vostri commenti
:-)
Un abbraccio e buon fine settimana! =^.^=

I hope you'll like them!
I'll wait for your comments
:-)
A hug to you all and have a nice weekend! =^.^=